HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Little Nemo + Stardom
di [user #26827] - pubblicato il

Kollatino Underground, Roma, 20.11.2010 - Probabilmente l'aggettivo 'stralunato' è quello che meglio si addice ai Little Nemo, band francese attiva nella seconda metà degli anni 80, il cui nome venne preso in prestito proprio dall'omonimo fumetto del disegnatore Winsor McCay.

Sull'onda delle esaustive doppie antologie uscite lo scorso anno per Infrastition, i Little Nemo tornano in Italia, dopo l'apparizione del dicembre scorso in quel di Vicenza. Il locale scelto è un centro sociale principalmente dedito al teatro d'avanguardia, incastonato tra i palazzi di Roma sud, dove già suonarono i Varsovie, nuove leve del post punk francese contemporaneo. La serata viene aperta da un gruppo italiano, gli Stardom, che propongono una piacevolissima ed intellettuale miscela di new wave italiana, con liriche intelligenti e adeguate ai tempi (nonostante il titolo dell'album pubblicato quest'anno per l'etichetta Danze Moderne, 'Soviet della moda'). In realtà scoprire tutti i brani della band lascia intravedere molteplici influenze, un complesso caleidoscopio in cui convivono oltre a CCCP o Krisma anche Cure, Baustelle, Bluvertigo e inaspettate aperture alla Duran Duran. Se l'esibizione del gruppo milanese soffre di un settaggio audio non calibrato, la situazione è decisamente migliore con l'arrivo degli headliner Little Nemo. Il concerto si rivela un rendez vous con il passato, un rebus che non può risolversi, uno scorrere del tempo inesorabile che solo a tratti sa davvero e ancora infiammare i cuori, secondo gli stilemi di una delle definizioni date a queste canzoni, touching pop... La presentazione di alcuni nuovi brani rende il paragone impietoso, laddove la cold wave più sognante ed emozionale sembra abdicare lasciando il posto a melodie oscillanti tra Ride e Blur. Ciò nonostante quando alle spalle dei nostri scorrono le immagini di video originali ad accompagnare i pezzi, siano quelle dell'antico Egitto per Cadavres Exquis o di una Roma anni 80 immersa nel carnevale per You Again ('Qualcuno di voi potrà forse riconoscersi nel piccolo Batman che corre in piazza San Pietro?' - chiede dal palco il bassista Vincent Le Gallo) i sogni sembrano materializzarsi di nuovo. I Little Nemo si riappropriano via via di linfa vitale e i momenti migliori ci sono riservati proprio nella parte conclusiva del set, che va ad aprirsi con una pregevole cover di Old Man da Crosby, Still, Nash & Young e prosegue con energia e vari bis sino al termine del concerto. Alla fine il sogno, seppur a fatica, ha fatto suo il concetto di contemporaneità, quale che sia il suono, tra un verso esistenzialista e il recitato di una poesia di Edgar Allan Poe.

Intervista agli Stardom

stardom
Link utili
Intervista agli Stardom
Altro da leggere
Pubblicità
Almost Famous: Stardom...
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Stanzetta insonorizzata fai da te
Venti attrezzi online per chitarristi
Keith Richards: "Sgt. Pepper's è un mucchio di spazzatura"
D.I. Box: cos'è e a cosa serve
Scelta delle cuffie - La parola al fonico
Tecniche di registrazione
Nashville, lo Studio B e un Elvis sbadato
Idea Effe: studio report coi Dolcetti
I Microfoni: risposta in frequenza e diagrammi polari
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
RECnMIX: la casa del musicista 2.0 è online
I microfoni: tipi e tecniche costruttive
Recording, mixing, mastering: ACCORDO.IT lancia RECNMIX
Rocket 88: il primo rock 'n' roll della storia
La vita in studio prima dei mixer
Viaggio nel primo studio di registrazione d'Italia
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964