HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Cos'è un amplificatore piggyback
Cos'è un amplificatore piggyback
di [user #17844] - pubblicato il

Se ti sei chiesto cos'è un amplificatore piggyback, qual è stato il primo nella storia e perché sceglierne uno, continua a leggere questo articolo.
"Piggyback", letteralmente "a cavalluccio", è un termine che gli appassionati di chitarra elettrica incrociano di tanto in tanto, in riferimento a certi specifici amplificatori.

In cosa consiste un amplificatore piggyback è più intuitivo di quanto si possa pensare, eppure tale dicitura disorienta i più. Le ricerche online non sempre danno frutti, in quanto la terminologia appartiene al gergo proprio di campi molto diversi tra loro.
In elettronica, con "piggyback" si intende un messaggio informatico che ne trasporta un altro al suo interno per risparmiare energie. In economia, ci si riferisce a un'azienda che si affida a un'altra per operare in determinati campi o territori. In musica, un piggyback non è altro che un circuito di amplificazione racchiuso in un proprio chassis e fisicamente "a cavalluccio" di qualcos'altro, nello specifico una banale cassa altoparlante.
Un sistema piggyback, insomma, non è altro che il comune stack di testata e cassa.

Cos'è un amplificatore piggyback

Per risalire alle origini del termine, bisogna tornare indietro nel tempo fino alla metà del '900 e andare nei laboratori californiani che hanno definito l'amplificazione per chitarra così come la conosciamo oggi.
Nel pieno degli anni '40, il laboratorio di Leo Fender concentrava gran parte dei suoi sforzi nella creazione di amplificatori per chitarra. Dai primi nati col marchio K&F (dai nomi di Leo Fender e Doc Kauffman) alle prime evoluzioni marchiate Fender e con l'iconica finitura tweed che videro la luce verso la fine del decennio, tutti gli amplificatori di Leo erano quelli che oggi chiameremmo "combo". Circuito di amplificazione e altoparlante convivevano all'interno di un unico mobile, e così fu per tutti gli anni '50.

Sembra che il primo amplificatore costruito in uno chassis separato da quello del cabinet e quindi dal relativo altoparlante fosse un Bassman realizzato su ordinazione nel 1958. Per vedere comparire in catalogo il primo piggyback ufficiale, bisognerà attendere invece il 1960 con il modello Showman.

Cos'è un amplificatore piggyback

Tale soluzione costruttiva è tuttora apprezzata per il modo in cui agevola il trasporto dell'amplificatore, dividendone il peso in due mobili separati. Non da sottovalutare era la possibilità di portarsi dietro il solo amplificatore, affidandosi agli altoparlanti forniti di volta in volta dagli organizzatori dei concerti e festival.
Molti costruttori, tra cui la stessa Fender, ne esalta inoltre la maggior libertà progettuale per quanto riguarda la resa dell'altoparlante: un cabinet a esso dedicato consente di rispettare il litraggio ideale per la cassa ed effettuare diversi accorgimenti costruttivi per migliorarne la risposta sulle varie frequenze, e pare fosse proprio questa la vera ragione per cui fu progettato il primo Showman in configurazione piggyback.

Da allora, Fender ha affiancato a molti dei suoi modelli una versione piggyback, o "testata e cassa".
Talvolta i cabinet potevano disporre di due supporti in metallo sulla cima a cui agganciare la testata per inclinare il tutto all'indietro mediante una "gamba" pieghevole sul retro della cassa, rivolgendo così gli altoparlanti di qualche grado verso l'alto al fine di diffondere meglio il suono nell'ambiente.

Cos'è un amplificatore piggyback

Negli anni, molti altri costruttori hanno adottato questa soluzione fino a farne un vero marchio di fabbrica. Primo tra tutti, Marshall ha stampato nell'immaginario dei chitarristi la figura dello stack, cioè "l'armadio" di amplificazione composto da una cassa 4x12 con su una testata tirata al massimo. Lo stack è stato poi ribattezzato "half stack" quando la necessità di volumi maggiori e la voglia di una presenza scenica esagerata hanno portato alla nascita del full stack, dove le casse 4x12 diventano ben due, una sopra l'altra.

Cos'è un amplificatore piggyback

Una recente inversione di tendenza in fatto di pressione sonora ha riportato in auge i piccoli amplificatori a potenza ridotta, ma il pubblico non ha voluto rinunciare all'impatto di uno stack, o un piggyback, come quelli dei più bei palchi rock di sempre. Ora è possibile trovare testate da una manciata di watt e altrettanti chili, poggiati su cabinet a base di altoparlanti al neodimio dal peso irrisorio, che cominciano ad affacciarsi al mercato con molta meno timidezza di un tempo.
I combo restano una soluzione pratica e talvolta più economica per "portare a casa la serata", ma il fascino di un piggyback è per sempre.
amplificatori fender
Altro da leggere
Pubblicità
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a...
La truffa delle chitarre online a prezzi...
Fender Jaguar American Original direttamente...
Jazz Tele: l'universo surf in casa Fender...
Pubblicità
Commenti
di lazydaniel [user #28418] - commento del 16/02/2018 ore 10:13:59
Un altro vantaggio è quello di poter provare diverse combinazioni di testata e cassa (futile giustificazione per l'acquisto compulsivo di nuovi giocattoli :-) )
Rispondi
di Pietro Paolo Falco [user #17844] - commento del 16/02/2018 ore 10:34:32
Eheheh, quanta verità!
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 16/02/2018 ore 10:47:38
No vabbuò... ma vuoi mettere il risparmio di spazio? Una cassa... e tante teste. Alla fine è l'ideale. Solo che poi non va mai a finire così.
Rispondi
di esseneto [user #12492] - commento del 16/02/2018 ore 11:50:42
Leo Fender ha inventato tutto quello che si doveva inventare affinché il Rock'n'Roll potesse diffondersi......
Rispondi
di TidalRace [user #16055] - commento del 16/02/2018 ore 12:22:57
Mi sembra di ricordare che il termine "Piggyback" si riferisse allo stack testata con cassa vendute insieme e non separatamente, quando la testata è meno larga della rispettiva cassa, vedi modelli Fender a differenza dei modelli Marshall. Non mi sembra infatti che ci si rivolga con questo appellativo anche agli innumerevoli modelli prodotti da Marshall.
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 16/02/2018 ore 20:29:03
Hai ragione. Il termine slang Piggyback è per versioni di ampli già in produzione e non cose nuove tipo stack alla Marshall. Vox ha prodotto qualche loro modello in versione piggyback e tra i primi in Europa a copiare Fender.
Al giorno d'oggi, ce ne sono dappertutto, di tutte le marche. Questa soluzione sarà apprezzata dai roadies.
Rispondi
di superloco [user #24204] - commento del 20/02/2018 ore 16:52:39
quanti ricordi mi vengono guardando queste foto.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Michele Quaini e i suoni del Facchinetti Fogli Tour
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
La Ibanez AE510 estrae il preamp per preservare i legni
I più commentati
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
La Ibanez AE510 estrae il preamp per preservare i legni
SL4X: Jackson Soloist si veste di mini-humbucker
Michele Quaini e i suoni del Facchinetti Fogli Tour
I vostri articoli
Modificare un pedale senza avere conoscenze di elettronica
Ampli artigianale per un vecchio Gibson: a little Red Frog story
Come creare true bypass, looper e footswitch
Analizzare e riparare un cavo difettoso
Sovtek Mig 50: britanniche dalla Russia
di Oleg
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964