HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Gibson Les Paul Studio 2003: finalmente a casa!
Gibson Les Paul Studio 2003: finalmente a casa!
di [user #37364] - pubblicato il

Una Les Paul non può mancare nella collezione di un chitarrista rock, e una vecchia Studio da rimettere a nuovo può essere un buon investimento nel campo.
Finalmente a casa, anche se per la verità non ho impiegato tanto a trovarla!
Visto che vi avevo coinvolti in un mio precedente diario è giusto aggiornarvi, e poi sono troppo contento: qualcuno devo tormentare!

Avevo intenzione di prenderla entro l’anno, il tempo di mettere insieme la cifra necessaria cercando di smarcarmi tra IVA, contributi, tasse, desideri della coinquilina/moglie, ira di Dio, ecc. Poi un annuncio a 100 km da casa, prezzo buono, venditore sincero e quindi due domenica fa mi metto in macchina e vado a provarla.

Il venditore mi aveva accennato telefonicamente che il prezzo era basso perché un po’ vissuta. Quando l’ho vista, effettivamente non era granché appetibile, molti segni sul top e qualche fibbiata sul retro. La finitura dorata in qualche punto era sbiadita, ma tanto si sa che fine fa la finitura dorata. In molti (compreso me qualche anno fa) sarebbero fuggiti immediatamente e invece mi sono soffermato.
La provo e, nonostante le corde antiche, non manca nulla a suono e tono. Manico 50’s rounded drittissimo, tasti quasi immacolati. L’action bassissima mi ha consentito di capire la bontà della tastiera, nessun buzz o note morte. Tutti quei graffi però mi fanno pensare, la riguardo e noto che molti di quei segni erano in realtà su quella specie di “sugna” che normalmente troviamo depositata sulla tastiera: sì, era piena di sugna ovunque!

Alla fine penso che sono diventato bravino nei piccoli restauri usando come cavie gli strumenti degli amici, valutando pro e contro (custodia rigida originale e documenti a corredo erano un ulteriore valore aggiunto), il prezzo, il fatto che cercandone altre avrei certamente dovuto fare più km per provarla e visti i prezzi in giro ne avrei speso molti di più per comprarla, mi convinco e la prendo.

Gibson Les Paul Studio 2003: finalmente a casa!

Tornato a casa, tanta la voglia di provarla, rimando il tagliando. Le impressioni fortunatamente sono state tutte confermate dal punto di vista sonoro. Tono grosso, sustain infinito, manico marmoreo. Più avanti sostituirò le sellette (o tutto il ponte) perché sono un po’ rovinate e le manopole che trovo scomode e brutte.

Ieri le ho fatto il lifting, sono riuscito a togliere quasi tutti i graffi e segni dal top, sono riuscito a togliere una parte delle fibbiate leggere mentre quelle più profonde sono riuscito solo ad attenuarle. Anche in questo caso mi è andata bene, con parecchio olio di gomito, l’ho riportata quasi al gloss originario, quasi perché avevo voglia di suonarla. La perfezioniamo più avanti... e voi ungete di sugna le chitarre chi vi protegge lo strumento!

Per il resto, è vero che sembra di avere un mobile appeso al collo (4,15kg!) , pende un po' dal lato body ma è abbastanza bilanciata (forse manico grosso e camere tonali si compensano) ed è anche abbastanza comoda. Sarà l'amore, ma non me la ricordavo cosi!

Gibson Les Paul Studio 2003: finalmente a casa!

Era da tempo che ci pensavo, mi piaceva la Les Paul ma, sapendo che non l’avrei trovata comodissima, non mi andava di spendere grosse cifre per una Standard (che è di altro livello). Con questa Studio ho trovato il giusto equilibrio!
chitarre elettriche gibson gli articoli dei lettori les paul studio
Link utili
Il diario sulla Les Paul
Altro da leggere
Pubblicità
Hoverguitar: supporti per chitarra invisibili...
Marshall Origin 20H: prime impressioni...
Aste: quotazioni di Prince alle stelle...
Le Schecter Extreme Legacy 2018 sono...
Pubblicità
Commenti
di dale [user #2255] - commento del 05/02/2018 ore 14:46:
Bella!
Metti un Bigsby e sei al top.
Rispondi
di ENZ0 [user #37364] - commento del 05/02/2018 ore 17:40:01
Grazie :D
Però non è bello cercare di farmi spendere altri soldi :D
Rispondi
di dale [user #2255] - commento del 05/02/2018 ore 18:10:29
Siamo qui per questo! :-) :-) :-)
Rispondi
di ENZ0 [user #37364] - commento del 05/02/2018 ore 21:02:04
:)))
Rispondi
di 77casual [user #25849] - commento del 05/02/2018 ore 18:04:24
Proprio l'altro giorno ne ho provata una identica presso un negozio delle mie parti...gran bella chitarra, non c'è che dire...anzi si! te lo dice uno che ha la traditional.
La studio personalmente la preferisco bianca...cmq sia complimenti, bel mezzo ;)
Rispondi
di ENZ0 [user #37364] - commento del 05/02/2018 ore 21:10:15
Grazie :)
Beh si, è cominciata proprio così, trovo la Les Paul una delle più belle chitarre ma me ne sono sempre disinteressato perchè, a prescindere dal tipo di suono, non la trovavo comoda e per questo motivo non riuscivo a giustificare una spesa troppo elevata. Poi ho provato una Studio e ho pensato ad un buon prezzo si poteva fare. Ovviamente Traditional, Standard, Classic, sono ad un altro livello!
Per la finitura, bianca è bellissima, ma sarà che ho la fissa per il rosso... su 4 elettriche 3 sono rosse, l'unica sunburst me la trovo perchè comprata da un amico e salvata da morte certa :)
Rispondi
di 77casual [user #25849] - commento del 06/02/2018 ore 15:29:21
Fossi in te cambierei i potenziometri con degli speed knobs dorati e le plastiche nere con delle cream...sul wine red sono la morte loro ;)
Rispondi
di ENZ0 [user #37364] - commento del 06/02/2018 ore 21:19:26
E c'hai preso... per non essere precipitoso mi sono preso del tempo per decidere e ho un pò di idee tra cui proprio quella di cambiare le plastiche da nere a crema, visto che il wine red è molto scuro, il crema darebbe + luce, solo che ho visto i prezzi dei ricambi originali, non è per fare il taccagno però mi rode un pò spendere 50 € per dei pezzi di plastica... vorrei cercare qualcosa di concorrenza ma devo far attenzione alle misure.
Per gli speed, non so, non li trovo molto comodi, però se passo al crema ne metterò di dorati o ambra :)
Rispondi
di 77casual [user #25849] - commento del 06/02/2018 ore 21:24:23
Dai un'occhiata qua:
vai al link
Io ho fatto tutto il restyling completo per la mia con poco più di 10€ ;)
Rispondi
di ENZ0 [user #37364] - commento del 06/02/2018 ore 21:32:39
E con le misure ti sei trovato? Le cornici le ho individuate, ho dubbi sul battipenna :/
Se l'acquisto non è troppo vecchio, riesci a postarmi (anche i privato va bene) il link del battipenna che hai preso tu?
Rispondi
di 77casual [user #25849] - commento del 06/02/2018 ore 21:46:49
Io sì, ma avevo preso quelli neri (praticamente come i tuoi) perché ho quelli crema e volevo provare l'ebbrezza "Black Beauty" :)
Cmq sia è pieno zeppo di venditori, se cerchi bene ne trovi a bizzeffe, c'è chi mette anche le misure espresse in mm.
Rispondi
di ENZ0 [user #37364] - commento del 06/02/2018 ore 22:09:23
Perfetto, grazie :)
Rispondi
di Skywalker8 [user #40706] - commento del 05/02/2018 ore 20:19:58
Bellissima! Complimenti! Quella colorazione rende la Studio bella anche per me. Hai intenzione di rimpiazzare le manopole? Quali metterai?
Rispondi
di ENZ0 [user #37364] - commento del 05/02/2018 ore 21:12:41
Grazie :)
Come dicevo sopra, per la colorazione sono troppo di parte :D
Per le manopole sono ancora indeciso, credo queste vai al link con cui mi trovo bene o queste vai al link però nere, vedremo!
Rispondi
di Pietro utente non più registrato - commento del 06/02/2018 ore 00:05:17
Ah ah bravo! Hai fatto bene,la scelta giusta goditela ;-)
Rispondi
di ENZ0 [user #37364] - commento del 06/02/2018 ore 10:23:43
Grazie Pietro :D
Ci voleva proprio una LP :)
Rispondi
di Pietro utente non più registrato - commento del 06/02/2018 ore 12:37:41
Sempre!
Rispondi
di Benedetto utente non più registrato - commento del 09/02/2018 ore 16:55:14
Bella somiglia tanto alla mia chitarra elettrica solo che la mia ha le corde arrugginite e sulla paletta c’è scritto Fenix.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
Marshall Origin 20H: prime impressioni
RedSeven: sbirciamo dietro la griglia del nuovo hi-gain italiano
Alvarez Delta: una 00 come si deve
Solar aggiorna il catalogo per destrorsi e mancini
I più commentati
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive
Marshall Origin 20H: prime impressioni
Cort fonde due miti vintage nella Sunset TC
Solar aggiorna il catalogo per destrorsi e mancini
Sincero e scatenato
I vostri articoli
Marshall Origin 20H: prime impressioni
Zoom Guitar Lab 3.0: arriva l'editor
Di Pinto Galaxie IV: brillantini, modding e switch sbagliati
Customizzazione di un VHT Special 6 Ultra
Cosa determina davvero il suono di un pickup
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964