HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Katana Air: da Boss il primo ampli senza cavi
Katana Air: da Boss il primo ampli senza cavi
di [user #116] - pubblicato il

Il Katana Air è il primo amplificatore portatile con effetti programmabili e trasmettitore wireless incluso per suonare completamente senza fili.
La serie Katana racchiude le migliori simulazioni di casa Boss in degli amplificatori moderni e versatili. Adatti a tutti gli stili e alle esigenze più disparate, per il 2018 danno il benvenuto all'edizione Katana Air: il primo amplificatore per chitarra con sistema wireless integrato per suonare ovunque senza cavi.

Katana Air: da Boss il primo ampli senza cavi

In un formato compatto e ispirato ai moderni sistemi hi-fi portatili, il Katana Air offre 30 watt stereo, più che sufficienti per suonare in casa o affrontare una piccola venue acustica. Provvisto di un'uscita cuffie stereofonica con simulazione di cassa integrata, è ideale anche per esercitarsi nel silenzio totale. Effetti programmabili e simulazioni di amplificatori ne fanno un sistema all-in-one per chitarristi acustici ed elettrici di ogni estrazione.
Il punto di forza dell'amplificatore Boss risiede però nel sistema wireless, un vero e proprio trasmettitore integrato grazie al quale suonare senza fili a tutti gli effetti: non serve nemmeno il cavo della chitarra.



Il trasmettitore fornito a corredo del Katana Air è piccolo e leggero, si ricarica inserendolo nell'apposito alloggio in cima all'amplificatore e garantisce fino a 12 ore di musica per ciclo di carica. Un sistema in grado di riconoscere i momenti di silenzio e di mandare in stand by il circuito quando non si suona ne allunga ulteriormente la vita.

Il pannello dei comandi dà accesso a cinque simulazioni di amplificatori, dai modelli per chitarra acustica ai clean e ai lead più distintivi del mondo elettrico. Tutti possono essere personalizzati per gain, volume ed equalizzazione, grazie ai controlli di Bass, Middle e Treble. Un volume Master regola l'uscita generale dell'amplificatore e manopole per l'intensità degli effetti consentono di dosare modulazioni e ambienti.
La compatibilità con la app Boss Tone Studio per iOS e Android consente di personalizzare i suoni e crearne di nuovi direttamente dallo smartphone o tablet grazie alla connessione Bluetooth e memorizzare fino a sei preset per volta dentro l'amplificatore.

Katana Air: da Boss il primo ampli senza cavi

In più, il collegamento senza fili consente di ricevere basi da dispositivi esterni su cui esercitarsi.
La struttura del Katana Air è pensata per una riproduzione del suono ad alta fedeltà, con altoparlanti full range capaci di farne un piccolo impianto hi-fi casalingo.

Grazie alla possibilità di alimentarlo anche con otto pile stilo di tipo AA per una potenza ridotta di 20 watt, il Katana Air diventa un sistema pratico e portatile anche per chi è in viaggio o ama esibirsi all'aperto.
amplificatori boss katana air
Link utili
Katana Air sul sito Boss
Altro da leggere
Pubblicità
Milkman mette l'ampli valvolare in pedaliera...
MVX150: da Vox in primo ampli a Nutube...
Selmer Treble n Bass: una chicca meravigliosa...
Loudbox Mini Charge: l'ampli Fishman si fa...
Pubblicità
Commenti
di Kibb [user #19804] - commento del 10/01/2018 ore 08:27:50
carino
Rispondi
di BBSlow [user #41324] - commento del 10/01/2018 ore 12:31:43
Non capirò mai perché su ampli di questo tipo non mettono un'uscita line / mixer.
Rispondi
di Adriano [user #47979] - commento del 10/01/2018 ore 14:17:57
Ciao... Scusami, forse dico un'eresia, ma da altre foto vedo che c'è un'uscita "rec out"... Forse con quella si risolve... Andrebbe provato...
Rispondi
di BBSlow [user #41324] - commento del 15/01/2018 ore 09:30:58
Si, la vedo, ma mi sembra che sia (come capita spesso) l'uscita per la cuffia. Io intendo un'uscita dedicata, che non abbia i problemi legati a quel tipo di output.
Per carità, è un pallino mio, eh. Ma, considerato che metterla in fase di produzione costerà si e no un paio di euro, e che renderebbe qualsiasi amplificatore molto più facile da usare in moltissime situazioni (e quindi molto più appetibile per l'acquisto), ogni volta mi stupisco.
Rispondi
di Mems81 [user #37000] - commento del 10/01/2018 ore 12:47:37
Interessante il sistema wireless però per un ampli da studio il prezzo sopra i 450 euro mi sembra un po' esagerato...
Rispondi
di coprofilo [user #593] - commento del 10/01/2018 ore 13:00:45
Se avessero fatto anche l'uscita cuffie wireless sarebbe stato perfetto!
Rispondi
di Aleinaccordo [user #41248] - commento del 10/01/2018 ore 15:34:00
Era ora che le case costruttrici cominciassero a sviluppare i sistemi wireless di default su ampli. Uso da circa 1 anno il relay g10 della Line 6 e devo dire che è impeccabile. Suono identico a quello del cavo (almeno per le mie orecchie) autonomia eccellente al punto che mi dimentico di caricarlo talmente dura la batteria. Questo dispositivo gli assomiglia moltissimo (almeno esteticamente).
I cavi insieme alle chiavi da serratura sono le 2 cose più scomode con la quale mi trovo a trafficare tutti i giorni. Non so questo ma il relay g10 ha un'uscita canon per andare direttamente in DI in modo che mentre suoni se vuoi puoi registrare una traccia dry della chitarra e poi puoi farci quello che vuoi dal reamp al'editing audio.
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 10/01/2018 ore 17:36:41
Mah, i sistemi integrati mi convincono poco in generale, preferisco parti separate eventualmente da gestire a mio piacimento; comunque, qui ci sono almeno due scelte infelici, a mio parere: il wireless ha un senso se mi evita 8/10 m di cavi, se lo devo usare in casa o studio al posto di un cavetto da 2 m, è solo un costo in più. Inoltre è un costo ingiustificato: un Boss Katana 50 (50watt) costa circa 200 euro, quindi se si acquista quello ed un buon sistema wireless si risparmiano oltre 100 euro, si ha maggiore potenza ed il wireless è utilizzabile anche altrimenti. L'avessero applicato al 50 o al 100w, a questo prezzo avrebbe anche potuto suscitare il mio interesse. Così com'è no.
Ciao
Rispondi
di fabiojay [user #20826] - commento del 10/01/2018 ore 18:14:27
se non sbaglio anche la serie spider della line6 ha il wireless integrato, però devi comprare a parte il trasmettitore per la chitarra
Rispondi
di MojoKingBee [user #39456] - commento del 11/01/2018 ore 09:44:27
ah, non avevo letto il tuo commento, ho scritto la stessa cosa
Rispondi
di Pearly Gates [user #12346] - commento del 10/01/2018 ore 19:59:21
Bello! Ha un uscita cuffia o registrazione e dietro ha un ingresso aux.
Potrebbero aver fatto il Bluetooth anche in uscita per cuffie? Penso solo in ingresso per musica da smartphone, cmq bello.
Quanto costa?
Rispondi
di fla72 [user #29005] - commento del 10/01/2018 ore 20:06:0
ricorda il Yamaha..
Rispondi
di MojoKingBee [user #39456] - commento del 11/01/2018 ore 09:40:39
line6 ha gli ampli della serie spider che si abbinano al relay g10, il ricevitore è integrato (è sufficente comprare il trasmettitore del g10).
es:
vai al link
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
BIAS Delay e Modulation: pieno controllo digitale
Fender sfodera lo spirito retrò con le American Original
Schecter nel 2018 tra retrò e super-Strat
RAT Tail: il distorsore diventa cavo
S2 Studio: torna la 3-pickup PRS a prezzo ridotto
I più commentati
Slash diventa ambasciatore con una nuova Les Paul
Gibson Modern Flying V avvistata al CES 2018
Fender sfodera lo spirito retrò con le American Original
Formula B Super Plexi V2: british per tutti
di aleZ
RAT Tail: il distorsore diventa cavo
I vostri articoli
Ibanez Elastomer: plettri in gomma?
Duesenberg Starplayer Special
Jim Reed PRS-style: da brutto anatroccolo a chitarra laboratorio
Fender 51 Nocaster Pickup Set: per me il migliore
PAF originali e repliche moderne: quale pickup scegliere?
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964