HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Rickenbacker M11: un amplificatore vintage e misterioso
Rickenbacker M11: un amplificatore vintage e misterioso
di [user #116] - pubblicato il

In rete non circolano molte notizie riguardo questo amplificatore degli anni ’50, prodotto per una quindicina d’anni. Lo abbiamo testato con una splendida Rick e le mani di Quaini che questo amplificatore un po’ misterioso e rumoroso se l’è francobollato in sala di ripresa.
All’interno dell’OUT Side Studio di Michele Quaini trova posto un bel gruppo di amplificatori vintage, forniti in gran parte da Vintage Authority, una risorsa pazzesca per gli amanti del vintage. Questo piccoletto, in particolare, è del 1959, prossimo alla sessantina quindi, ma ancora cattivo quanto basta. 

Si tratta di un piccolo combo con un cono Jensen 1x12 e due ingressi differenti, uno dedicato alla chitarra e uno alla voce (li sentirete entrambi nel video a seguire, prima il V1 e verso la fine il V2). I controlli sono molto semplici, due volumi (uno per canale) e uno generale che funziona anche come pulsante di accensione. 

Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 
Visualizza l'immagine
 


Due 12AX7 nel pre dei due canali e una 6V6 nel finale con una 5Y3 come rettificatrice per un totale di 15watt cazzutissimi. Già, perché l’M11 il clean non sa nemmeno cosa sia, parla completamente un’altra lingua. È graffiante, con un sacco di alte che rombano fin quasi a dare fastidio. Una ronza di fondo (dovuta all’assenza totale di messa a terra) persistente che ci riporta indietro di 50 anni e il timbro un po’ nasale che fa subito lo-fi. È molto simile al ben più famoso Fender Deluxe Tweed 5e3.

È un amplificatore misterioso perché in rete si trovano davvero pochi esemplari e ognuno sembra essere diverso dall’altro. Sul mercato ha anche un prezzo accessibile per essere un amplificatore vintage, ma allo stesso tempo è versatile quanto una Dodge Viper in centro a Milano. È il mezzo perfetto quando si vuole ricercare un sound davvero alla vecchia maniera, bello sporco e noi per dargli il giusto lustro lo abbiamo collegato a una Rickenbacker 360 di cui abbiamo parlato nelle scorse settimane


 
Questo è uno dei miei ampli preferiti: e’ il piu peperino di tutti! Quando si arrabbia diventa un vulcano di armoniche con un retrogusto fuzzish tutto vintage e personale; a bassi regimi ha una personalita’ sui clean (se così lo vogliamo chiamare) che non ho mai sentito se non nei dischi anni ‘60/70 dei Grandi. 
In piu il secondo canale, quello per la voce, ha un balance di toni e armoniche assai differente. 
Con un microfono davanti non teme nessuna Plexy, Vox o Blackface che sia . E’ davvero un animale vintage da studio. Consigliato per gli amanti del genere. Dimenticavo, nonostante le ridotte dimensioni ha un volume davvero generoso, sconsigliato l’utilizzo in appartamento (Michele Quaini)
amplificatori m11 rickenbacker
Link utili
Visita il sito di Vintage Authority
Altro da leggere
Pubblicità
J Rockett Audio Design sfida la plexi con...
La Boutique Di Osvaldo: Bad Cat Hot Cat 15R...
Grandi novità Masotti-Mezzabarba a SHG...
Silverstone 30: recensita la prima bi-canale...
Pubblicità
Commenti
di KJ Midway [user #10754] - commento del 03/11/2017 ore 09:47:14
Effettivamente fa molto Tweed Deluxe cono e valvole son quelli, immagino che anche il circuito abbia delle "somiglianze", chi è alla ricerca di un 5e3 può sicuramente puntare uno di questi, immagino che rivendendo cono e valvole se originali ci si fa il prezzo dell'intero ampli ;)
Anche il MAGNATONE Troubador 213 potrebbe essere della partita.
Rispondi
di TidalRace [user #16055] - commento del 03/11/2017 ore 10:18:01
Il modello in questione dovrebbe chiamarsi M-11 Stag Gray, prodotto tra il 1956 e il 1959, con installato uno speaker Jensen P12R Bluebell in alnico, possedere 2 finali 6V6 per poter erogare 15 watt in classe A1, con 3 ingressi, due controlli di volume per i due canali e un controllo master di tono. Fa parte della serie M nata a metà degli anni '30 e terminata agli albori degli anni '60. Un paio di modelli degli anni '50 era dedicata al basso elettrico.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 01/12/2017 ore 09:36:17
Per gli esperti di vintage, qui ho trovato lo schema elettrico del M11 vai al link
Rispondi
di screamyoudaddy [user #37308] - commento del 01/12/2017 ore 11:45:32
Non male! Davvero old style.
Mi è piaciuto molto con la Fano.
Ma quanta roba hai Michele?! xDDD
Rispondi
di Hank McAbrahams [user #34498] - commento del 02/12/2017 ore 17:53:00
Bellissimo, ma...
Michele? La sciarpa!
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Boss Angry Driver: due è meglio di uno
di aleZ
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
Il Big Muff Op Amp ritorna a prezzi umani
La storia del PAF: Gibson riceve il brevetto
TV-Tele: la chitarra TV Jones con bobina asimmetrica
I più commentati
Boss Angry Driver: due è meglio di uno
di aleZ
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
Il Big Muff Op Amp ritorna a prezzi umani
Paul Gilbert testa i suoi mini-humbucker DiMarzio
Arturia V Collection 6
I vostri articoli
Gallinaro Customcaster 2017: i sogni diventano realtà
La storia del PAF: Gibson riceve il brevetto
La storia del PAF: l'etichetta da migliaia di dollari
Segna-posizione fashion con poca spesa
Trasformare una chitarra in un tres cubano
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964