HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Wing Bass sega a metà un vero basso a scala lunga
Wing Bass sega a metà un vero basso a scala lunga
di [user #116] - pubblicato il

Il Wing Bass ha metà manico di un basso standard per garantire una suonabilità familiare a qualunque bassista e che ammicca anche ai chitarristi.
"Piazza un capotasto al 12esimo tasto di un basso standard e taglia via il resto del manico, il risultato è il Wing Bass", così i creatori del curioso mini-basso made in USA spiegano il progetto del Wing Bass.

Wing Bass sega a metà un vero basso a scala lunga

Il piccolo solid body nasce dalla necessità di offrire ai bassisti uno strumento perfetto per i viaggi o da infilare in qualunque valigia, senza rinunciare alla suonabilità e al suono di un vero basso full-size. Così Wing Instruments ha progettato un basso di buona fattura, con tutti i canoni degli strumenti a piena grandezza, e ha poi deciso di tagliare via tutto quello che viene prima del dodicesimo tasto. In questo modo, il Wing Bass garantisce un manico familiare per qualunque bassista, la distanza dei fret è la stessa che si avrebbe oltre il 12esimo tasto su qualsiasi altro basso e anche la tensione delle corde è la medesima. Il compromesso è rinunciare a un'ottava di estensione verso il basso anche se, grazie alla presenza di modelli a cinque corde e sei corde in catalogo (o anche più, su ordinazione), è possibile recuperare il range più grave.

Ancora poco noto nell'ambiente, il Wing Bass vede in realtà la luce già nel 2015, e di tanto in tanto torna sotto i riflettori del web con qualche video rubato su palchi e fiere.



Costruito in collaborazione con Stambaugh Designs, il Wing Bass parte da una fascia di prezzo media e risulta così appetibile per i bassisti in cerca di un buon oggetto con cui tenersi in allenamento quando non è possibile avere con sé il proprio basso principale, per partecipare a una jam senza troppe complicazioni o anche per i chitarristi incuriositi dalle basse frequenze, che vogliono esplorare le sonorità di un vero basso senza le difficoltà legate a un manico notevolmente più lungo rispetto a quello di una chitarra.

Wing Bass sega a metà un vero basso a scala lunga

Più di un comune travel-instrument, il Wing Bass sfoggia caratteristiche costruttive di tutto rispetto. Il body, che ingloba anche il manico sotto la sua lunga ala superiore, è a scelta tra mogano e black limba. La tastiera può essere in palissandro o acero, ed è anche possibile richiederne una versione fretless.
L'elettronica è passiva, essenziale ma di qualità, composta da un humbucker Bartolini collegato a un tono e un volume.
L'hardware è firmato Hipshot, con il sistema di accordatura Headless per poter confezionare un basso ancora più piccolo, privo di paletta e con il body che si interrompe appena sotto il ponte.
Come opzione, di recente è stata introdotta la possibilità di adottare manopole Loknob, che consentono di bloccare i settaggi con un tocco.

Dal suo lancio, il Wing Bass ha visto arrivare diversi compagni di viaggio. Le opzioni di personalizzazione sono aumentate, e ora il catalogo comprende anche bassi a piena grandezza e un'alternativa portatile pensata appositamente per i chitarristi, chiamata Wing Guitar.
Per approfondirne la conoscenza, vi consigliamo un salto sul sito ufficiale a questo link. Su YouTube, invece, è possibile reperire diversi clip che mostrano i loro strumenti all'opera nei contesti più disparati.
bassi elettrici wing bass wing instruments
Link utili
Sito Wing Instruments
Sito Stambaugh Musical Designs
Loknob su Accordo
Altro da leggere
Pubblicità
GB75JH: da Cort il mondo del basso in due...
Gli Youtuber sono le nuove rock star...
Top figurati e il primo P-bass da Sire per...
Due classici Epiphone a 4 corde diventano Pro...
Pubblicità
Commenti
di And96 [user #41601] - commento del 12/09/2017 ore 17:25:29
Inoltre sono disponibili anche con in EHX Micro-POG (se mi ricordo bene) che può funzionare come octaver per riguadagnare le frequenze gravi.
Rispondi
di yasodanandana [user #699] - commento del 13/09/2017 ore 00:36:51
che bello.. soprattutto il 7 corde
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Aspettando RitmiShow Napoli 2014: Naga Distribution
Intervista a Michael Baker
Vadrum vs V-Drums - Qualche domanda ad Andrea "Vadrum" Vadrucci
Intervista a Dave Weckl
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964