HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Gli Youtuber sono le nuove rock star
Gli Youtuber sono le nuove rock star
di [user #17844] - pubblicato il

Davie504, bassista da un milione di iscritti su YouTube, pone la firma sul suo primo basso signature. Il web diventa sempre più il palco del nuovo millennio.
Un po' musicisti, un po' comici e intrattenitori, gli Youtuber in campo musicale rappresentano una nuova figura professionale a tutti gli effetti che si fa sempre più largo sulla scena. Un tempo si imbracciava uno strumento sognando di esibirsi un giorno in uno stadio sconfinato: oggi un'intera carriera può svolgersi tra le stesse quattro mura che hanno fatto risuonare le prime note, e si può ugualmente diventare un idolo per un'intera generazione di aspiranti musicisti.

Che il mercato della musica sia cambiato negli ultimi decenni non è un segreto. I dischi non si vendono come una volta, i concerti hanno una dimensione diversa, e anche la promozione dell'artista viaggia su altri canali. Una volta, vedere la firma di un artista famoso su uno strumento rappresentava una garanzia di qualità: quel pezzo "signature" era stato scelto da chi aveva inciso gli album che ci hanno formato, per affrontare decine di tour mondiali nelle condizioni più avverse. Oggi le cose sembrano essere destinate a cambiare: le nuove leve guardano più video degli Youtuber che dei propri artisti preferiti, e da loro accettano consigli sulla strumentazione. Da lì a passare il testimone dello strumento signature dal musicista professionista alla star di Youtube il passo è breve, e a ben vedere è già successo più di una volta.

È recente la notizia della nascita del Chowny EVO Davie504 Signature, un basso britannico ispirato alla scuola Music Man e disegnato a quattro mani con Davie504. Non c'è un nome completo né un cognome sul quattro-corde, ma solo un nickname: è quello di uno Youtuber da quasi un milione di iscrizioni al canale.



Chi lo segue lo sa, Davie504 è uno strumentista di buon livello, bravo sul piano tecnico e particolarmente fantasioso per ciò che riguarda la creazione di contenuti sopra le righe. Sul suo canale, è possibile vederlo alle prese con un fidget spinner usato al posto del plettro, suonare in slap per cinque ore ininterrotte o raccogliere le sfide più disparate avanzate dai suoi spettatori. Non ha prodotto album di successo e non lo si può ascoltare al fianco dei "grandi", ma il suo curriculum è ricco a sufficienza da spingere una liuteria a chiamarlo in laboratorio per lavorare insieme a un modello su misura, da vendere su larga scala certi che una discreta schiera di fan saranno pronti ad acquistarlo per replicare le prodezze del loro eroe digitale.

Il Davie504 Signature ha un body in cedro con su un top in acero quilted, manico in acero con profilo ispirato al Jazz bass e finitura satinata. La tastiera è in acero con 24 fret, e l'elettronica prevede un solo pickup humbucker accoppiato a un preamp Retrovibe Stinger '77.
In perfetto linguaggio web, il titolo del video in cui Davie lo presenta è semplicemente "Il miglior basso di sempre".



Dedicare uno strumento a una web star può suonare strano alle orecchie di chi è abituato a vedere chitarre firmate da Slash e bassi marchiati Marcus Miller, eppure quello di Davie504 non è il solo caso. Basti pensare a Dan e Mick di That Pedal Show, che appena qualche mese fa hanno ricevuto un booster-overdrive disegnato da Keeley Electronics.

A pensarci bene, la cosa ha perfettamente senso: si tratta di musicisti specializzati nella creazione di contenuti musicali in cui il suono il più delle volte è al primo posto, o quasi, e oggi la loro "certificazione" su uno strumento signature può valere quasi quanto quella di un produttore musicale negli anni d'oro dello studio di registrazione.

Dal punto di vista dei costruttori, il ragionamento non fa una piega: lo scopo di fornire un proprio strumento a un musicista è garantirsi visibilità e prestigio attraverso il suo lavoro. Cosa c'è di meglio, oggi come oggi, di un giovane e promettente Youtuber che imbraccia la chitarra o il basso da te costruitogli di fronte a una platea di milioni di potenziali acquirenti ogni settimana?
Sono pochi i musicisti professionisti che possono vantare la stessa esposizione mediatica di Jared Dines, polistrumentista che rallegra il pubblico del web con folli esperimenti metallari. Non è da meno Rob Scallion, che a modo suo ha fatto scuola nel campo delle corde extra e accordature drop.
Per lanciarsi nel lavoro di Youtuber-musicista serve anche una discreta furbizia, e lo dimostra Steve Terreberry, all'apparenza un buon chitarrista rock con una forte vena demenziale, ma in realtà un vero genio del product placement, capace di pubblicizzare i servizi e gli strumenti più disparati nei suoi video divertendo e intrattenendo lo spettatore al tempo stesso.
Anche musicisti affermati come Ola Englund hanno imparato a riconoscere il valore di una regolare attività sul web, e proprio quest'ultimo deve parte della sua fama alla sua attività di Youtuber. Tra una demo dei suoi strumenti preferiti e un video più spinto sulla creatività, Ola ha superato per fama molti suoi colleghi, guadagnandosi la stima del pubblico affamato di bei suoni al punto di decidere di avviare una propria attività di costruzione chitarre.

Basta guardarsi intorno per capire che il sistema musica non è affatto in crisi e offre notevoli sbocchi per chi sa muovercisi dentro. Forse il tempo dei grandi palchi volge al termine, ma una nuova era di "musicisti da camera da letto" è nel pieno dello splendore, anche se forse non è ugualmente poetica.
bassi elettrici chowny evo davie504 signature musica e lavoro
Link utili
Davie504
Steve Terreberry
Jared Dines
Rob Scallion
Ola Englund
Il boost-drive Keeley per That Pedal Show
Ola Englund lancia il suo marchio personale
EVO Davie504 sul sito Chowny
Altro da leggere
Pubblicità
Essere musicista oggi...
Come il web ha cambiato il volto dei negozi...
Come riparare un potenziometro rumoroso...
Bandesign: grafica da musicisti...
Pubblicità
Commenti
di JoKeR [user #47114] - commento del 08/09/2017 ore 11:43:03
noi italiani saremo sempre tagliati cmq fuori, non capirò mai come facciano ad avere 1 milione di iscritti, qualcuno deve averli pubblicizzati, io sono 6 anni che ho aperto il canale youtube e gli unici che guardano i miei brani li racimolo in questo e un altro forum, se non linkassi qui e li i miei lavori ( prova gia fatta) racimolerei 0 visualizzazioni si ho detto 0 ZERO, cioe nessuno mi vede e non credo che sia la qualità del lavoro a farti avere visibilità, uno puo pure cliccare poi se fa schifo non clicca piu ma di fatto un click lo ha fatto
Se il mondo dello spettacolo vecchio stampo aveva e ha tante magagne della serie vanno avanti solo i figli di, io ho la sensazione che inun mondo informatico come questo sia ancora piu facile decidere chi lanciare e chi no facendolo sembrare la cosa piu democratica che c'è visto che apparentemente sono le persone a decretare il successo con i loro click
Rispondi
di Nessuno1990 [user #45970] - commento del 08/09/2017 ore 16:32:04
Il ragazzo in questione è italiano, non inglese.
vai al link
Rispondi
di JoKeR [user #47114] - commento del 08/09/2017 ore 17:54:39
e questo la dice lunga sul fatto che pur vedendo diversi video non ho capito perche è diventato famoso? suona come un bassista della domenica ne piu ne meno, prova bassi, fa le faccine, chi non sarebbe capace di farlo? qualcuno mi spiega dove starebbe la tale genialità che ha giustificato 1 milione di iscritti?
Rispondi
di coprofilo [user #593] - commento del 09/09/2017 ore 22:57:10
Ho cercato il tuo canale YouTube, con non poche difficoltà ho trovato due video: Joker rock'n roll e la cover di satriani. In tutta sincerità: chi mai potrà raggiungere il tuo canale? Se cerco un pezzo di satriani non mi interessa la cover di un signor nessuno per bravo che sia, tanto meno mi verrà in mente di cercare Joker rock'n'roll... Se vuoi visibilità ti devi fare da fare, non è un problema di leccare culi o essere raccomandati, bisogna produrre qualcosa che possa interessare la gente. Devi promuoverti, farti vedere, destare interesse. Possiedi un axe fx, sfruttalo! Produci video in cui parli di quello, suoni bene ma ci sono mille altri che non sono peggio di te, se vuoi visibilità sui social devi concentrarti sul contorno e non sulla sostanza. Non è bello da dire ma è così, hai davanti un bivio: continuare a piangerti addosso pensando ad un complotto contro di te o muovere il culo e cercare di farti vedere in un mare di gente desiderosa come o più di te di visibilità, oppure puoi seguire la terza via: uscire di casa e suonare, senza troppe menate, sali su un palco e via, trova una band (magari non insultare tutti perché non sono abbastanza bravi, quello può farlo solo dio malmsteem) e smetti di flagellarti/flagellarci! Rock on!!
Rispondi
di Repentless [user #45400] - commento del 08/09/2017 ore 12:20:14
Sui metodi ed i meccanismi con cui Youtube promuove questi musicisti non sono informatissimo, tuttavia trovo che alcune delle figure citate nell'articolo abbiano avuto delle idee geniali e ne stiano giustamente riscuotendo i frutti: non è che ti svegli la mattina e fai un video con la professionalità di un Ryan "Fluff" Bruce o di un Ola Englund, occorre molta preparazione ed un solido background non solo tecnico-musicale, ma anche e soprattutto comunicativo.
Come soluzione per farsi conoscere lo trovo poi molto più democratico rispetto ai vecchi mass media, se poi un contenuto non ti piace lo puoi tranquillamente far notare nei like o nei commenti.
Rispondi
di Amilo81 [user #9063] - commento del 08/09/2017 ore 12:47:4
Ragazzi questi sono dei geni con capacità avanzate su ogni livello. Oltre che lo fanno praticamente a tempo pieno. La platea in termini numerici, marketing e culturale è abissale rispetto a noi. Non meravigliamoci poi perché in Italia abbiamo "geni" seguitissimi come "bello figo" e compagnia..
Rispondi
di fa [user #4259] - commento del 08/09/2017 ore 13:29:45
YouTube è una buona piattaforma di lancio e di lavoro e un'opportunità incredibile di promuoversi. In alcuni casi dietro c'è anche una grande preparazione musicale, in altri c'è solo "marketing". Un esmpio di preparazione è Jacob Collier.... andate a vederlo perché è un fenomeno. Un esempio di marketing è stato già nominato sopra... bello figo gu. Ciao Fab
Rispondi
di JackDynamite [user #14761] - commento del 08/09/2017 ore 15:21:29
Ragazzi È Italiano!!!

Su tutti peró penso a Leo Morocchioli di Frog Leap Studios
Rispondi
di screamyoudaddy [user #37308] - commento del 08/09/2017 ore 16:22:27
A me non dispiace, niente di che ma simpatico e non suona affatto male.
Ho visto per la prima volta gli altri citati nell'articolo, visto che non sono un fan di questi fenomeni, ma apparte qualcosina mi hanno un pó annoiato.
Rispondi
di JoKeR [user #47114] - commento del 08/09/2017 ore 17:58:1
sarà ragazzi , io vedrò troppo nero nelle cose ma a me youtube mi sa di qualcosa che illude piu della tv, ne vedo tanti che si smazzano dalla mattina alla sera per 800 iscritti convinti che sia la gavetta da fare e che un giorno si un giorno aspetta e spera, solo chi ha la lingua consumata a forza di leccare culi sporchi ce la fa amico
Rispondi
di Repsol [user #30201] - commento del 09/09/2017 ore 23:55:03
È proprio la mentalità di smazzarsi per avere 800 isctitti che non li fa andare da nessuna parte...riflettici su.
Rispondi
di JoKeR [user #47114] - commento del 10/09/2017 ore 10:50:52
beh dai... chi non pensa agli iscritti? se la spontaneità di quelli che ce l'hanno fatta era reale non lo facevano nemmeno un canale youtube, ma si facevano dei video privati da scambiarsi con gli amici
Nel momento in cui apri un canale è logico che ti aspetti e speri di avere il maggior numero di visualizzazioni e lasciamo eprdere anche i soldi perche come tu ben sai con un milioncino di visualizzazioni alla volta ad ogni video puoi capare dignitosamente solo con questo, ma lasciamolo perdere il vil denaro, io parlo anche solo di sapere di piacere alla gente, sapere che cio che ti piace cio in cui ti sei impegnato tanti anni piace anche agli altri, credo sia una bella sensazione io non l'ho mai provata specie in questo sito dove ho ricevuto sempre e solo pomodori
Ripeto onore al merito a chi ce la fa di sicuro è da premiare l'impegno, io ad esempio non saprei bene come montare i video con piu riprese , credo che ti devi anche un minimo attrezzare con piu telecamere insomma inizia ad essere non piu roba per dilettanti ma vero professionismo
Detto questo rimango dell'idea che a questo mondo chi sta al potere non credo possa permettersi di mandare al successo chiunque sia dotato di un talento innato se questo non è A ricattabile B manipolabile C senza credo e quindi in vendita al miglior offerente
Rispondi
di fede90k [user #22897] - commento del 08/09/2017 ore 19:37:51
Le visualizzazioni ed i like su Youtube si possono comprare su siti terzi, fate una googlata.
Sicuramente tutti gli artisti citati nell'articolo (artisti che ogni tanto seguo) hanno in principio usato un sevizio a pagamento per acquistare like, visualizzazioni e subscribers.
Rispondi
di RedRaven [user #20706] - commento del 08/09/2017 ore 22:16:40
Alcune valutazioni sparse: se si pensa che lo youtuber abbia successo per quel che fa (suonare, parlare di videogames..) non tornano i conti. Il talento é il come lo fa, per il contorno. Poi non è comprando subscriber che si va lontano, ma facendosi pubblicità, si. E' un lavoro fulltime, sia chiaro. Comunque se vi stupisce la musica, passate ai videogames, li ci sono i veri fenomeni..
Rispondi
di onlyfender [user #5881] - commento del 10/09/2017 ore 08:52:48
A me piace, trovo il suo modo di suonare molto musicale :-)
Non è una questione di tecnica, ma di approccio allo strumento. Si vede lontano un miglio che si diverte a suonare il basso e quell'entusiasmo lo trasmette catturando l'attenzione delle persone (insomma non è il classico tizio che si mette dietro la telecamera con la faccia che esprime solo la frase : "Ehi pivelli guardatemi come sono bravo a suonare!").
Calcolate poi che Davie504 fa video su youtube da 6 anni, quindi il numero di visualizzazioni/iscritti che ha sono il frutto di impegno, lavoro, mix e montaggio. Insomma non è che abbia avuto tutto e subito... si è dato parecchio da fare!
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 10/09/2017 ore 12:19:53
Articolo e commenti... Sí, è il contorno che ha importanza! Insomma, la musica è un fattore quasi secondario. Per i youtuber la promozione è bocca a bocca con Share esattamente come per i soliti fanclub.
Bisogna considerare che cose del genere sono per giovanissimi che non hanno interesse per la musica dei genitori - esattamente come per tutti noi su Accordo (o quasi)! Ogni generazione ha una era musicale propria che la contraddistingue.
Rispondi
di fraz666 [user #43257] - commento del 11/09/2017 ore 09:38:20
"Basta guardarsi intorno per capire che il sistema musica non è affatto in crisi e offre notevoli sbocchi per chi sa muovercisi dentro.": la frase più importante dell'articolo.
Come in tanti lavori, chi ha le palle per saper creare un format/personaggio che piaccia alla gente riesce a guadagnarci qualcosa. Attenzione a ritenere scarsi o per ragazzini tutti quelli menzionati nell'articolo perché la realtà è ben diversa, e non dimentichiamo che per uno che ha un milione di iscritti ci sono un milione (esagero) che provano a fare lo youtuber ma non ce la fanno.
Siamo nel 2017.
Rispondi
di darkfender [user #16554] - commento del 15/09/2017 ore 09:36:14
Come si può dire che la musica non sia in crisi? Molti degli youtuber più famosi non sono tali per le loro doti musicali ma perché parlano o altro... Vogliamo fare una lista degli youtuber famosi? Iniziamo dalla ragazza che suona la cover di Skyrim con il "rack" in bella vista appoggiato sulla chitarra? Proseguiamo con quello che ci spiega cosa bisogna fare per avere successo, senza che prima di youtube nessuno ne avesse sentito parlare e senza mai vederlo suonare? O continuiamo con forse il più famoso (anche bravo) che ha impostato tutto il suo successo su gag comiche sulla musica? Poi ci sono le eccezioni alla Andy James che sono appunto eccezioni. Se essere musicisti si valuta sulle capacità di marketing allora si, la musica non è in crisi, se conta invece la musica di per se allora siamo nel periodo più buio della storia musicale in cui però per fortuna il livello dei musicisti è ancora piuttosto elevato.
Rispondi
di calledb [user #22605] - commento del 15/09/2017 ore 15:29:05
Ma no.. dico ma scherziamo?? 1 milione di iscritti e uno strumento signature per sto pistolino che fa ste minkiate??.. non sanno più dove sbattere la testa pur di fare soldi.. Non avevo mai visto sto tizio, ma mi sono bastati 20 secondi.. Cioè ma l'avete visto il video sopra? È ridicolo.. Questa sarebbe musica?.. o cos'altro??
Rispondi
di zero [user #1409] - commento del 17/09/2017 ore 21:32:30
Per me è bravo (non è Mark King ma sa suonare ed ha anche gusto), ha lavorato molto sul montaggio, sul suono, su video non noiosi ma anche capaci di "intrattenere".
Da quel punto di vista c'è da imparare da lui, anzi!
Rispondi
di Enoch [user #25068] - commento del 18/09/2017 ore 13:25:28
L'articolo (complimenti), secondo me, rappresenta una realtà tangibile...come ha fatto notare qualche utente, non meravigliatevi dei soli musicisti...ci sono canali, alcuni assurdi per come la vedo, che vantano milioni di iscritti; guadagnano sponsorizzando prodotti ed offrendo codici promo ed in più (!?!?), vengono invitati a fiere ed eventi dove c'è la calca peggio di un concerto per vederli!...e non suonano manco il citofono di casa loro :D
C'è da dire che ci sono musicisti come Shunga Jung (jwcfree) o Laura 6100 - giusto per citarne un paio al volo - che hanno trovato la loro "America" grazie al canale youtube: signature e live in giro per il globo ma...ascoltateli e noterete che come talento non hanno nulla da invidiare a molti blasonati della nostra amata ascia ;) Questo, almeno secondo la mia opinione, sia ben chiaro.
Che poi JoKeR lamenti la mancanza di visualizzazioni ed iscritti al proprio canale, questa è un'altra storia; sempre prendendo esempio dai canali che ho citato sopra, vedi l'originalità delle cover proposte e in un secondo momento i loro inediti, ed otterrai la risposta del perchè abbiamo un canale attivissimo.
Sono d'accordo nel dire che molti altri sono più "attori" che musicisti ma si vede che le persone cercano anche quello....lasciamo perdere i like ed iscritti a pagamento perchè, se poi non rendi, il canale scende lo stesso e nessuno ti contatterà per promuovere i propri prodotti.
Molte volte, scopri dei geni per caso e, 'sti orientali che sono alieni sullo strumento....addirittura c'è un ragazzo (europeo credo), certo Adrian von Ziegler che, nonostante non conosca la "musica", propone dei pezzi celtici spettacolari dei quali scuole di musica ripropongono le cover e terzi ne trascrivono le musiche su spartito. Ultimo esempio, giusto per non annoiare, Hector Hellion...si è creato un personaggio ma suona in modo impressionante sia chitarra che basso, spazia con i suoni che è una meraviglia ed ha vinto anche premi per colonne sonore di film.
In questi esempi citati, si può notare come ci siano canali attivi ai quali, non è bastata solo la "bravura" per essere notati ma anche quel pizzico di genialità in più, fatto sta però, che vanno.
Rispondi
di Mariano C [user #45976] - commento del 18/09/2017 ore 13:46:19
occhio a non fare cherry picking e a dire "lo youtubber xxxx suona in maniera mediocre quindi su youtube emergono i mediocri" perchè pure Jacob Collier è venuto da youtube e adesso lo invitano in tutti i festival e dal vivo spazza via tutti. youtube è una vetrina come un'altra, e alla lunga la qualità paga, la musica sta prendendo direzioni che a molti qui dentro non piacciono, ma questo non significa manchi la qualità, è solo che alla gente piacciono cose diverse da 20-30 fa, è naturale
Rispondi
di Enoch [user #25068] - commento del 18/09/2017 ore 13:57:4
"occhio a non fare cherry picking e a dire "lo youtubber xxxx suona in maniera mediocre quindi su youtube emergono i mediocri" "
Mai detta na cosa del genere...i miei esempi, opinabili, erano riferiti ai canali non musicali; per il resto, condividiamo la medesima opinione ;)
...e comunque, gli orientali, sarà perchè lì hanno "Tana delle Tigri", sono fuori dal comune (rapporto età/tecnica)! :D
Rispondi
di Mariano C [user #45976] - commento del 18/09/2017 ore 14:25:57
ma infatti non rispondevo a te :) sono d'accordo con quello che scrivi, la mia era una considerazione generale sull'andamente del topic. Troppo comodo magari estrapolare uno youtuber che ha successo e magari la musica è solo una componente del suo canale per dire "la musica è un'altra cosa" (che lo decide poi????....). Invece nel calderone c'è gente molto preparata e creativa, e anche senza arrivare agli estremi di Jacob Collier che è proprio un alieno, c'è comunque un sacco di gente che fa cose molto belle e ha canali interessanti , anche di teoria musicale ad esempio
Rispondi
di Enoch [user #25068] - commento del 18/09/2017 ore 14:47:22
Anche se potrebbe sembrare brutto da dire ma, secondo me, a volte, la spocchia ci mette la sua :D
Come scrivevi tu sopra, alla fine è una vetrina...sta allo youtuber proporre cose interessanti o che possano interessare e anche se per alcuni non vuole essere un trampolino di lancio, è sempre un ottimo luogo dover poter imparare e/o condividere esperienze musicali. Rock on & Metal heads up!
Rispondi
di Robyz [user #66] - commento del 18/09/2017 ore 15:33:14
Ci sono molti ragazzi che fanno dei video interessanti o divertenti, che ti comunicano qualcosa e alla fine ti fanno venire pure voglia di andare a vedere altri video fatti da loro, a me questo piace e non ci trovo niente di sbagliato, tuttavia il meccanismo che sta alla base non ti permette di viverci se non trovi il modo di capitalizzare il valore dei tuoi video e questo modo sembra essere al 90% quello di pubblicizzare prodotti, che siano chitarre, bassi, software, hardware.
In questo approccio ci vedo invece un grosso problema di fondo: stiamo creando e foraggiando un esercito sconfinato di "piazzisti del web" che piano piano sararanno sempre più inclini a pubblicizzare qualsiasi cosa pur di monetizzare e viverci, un esercito di Krusty il Clown che poneva la sua firma su qualsiasi prodotto, compresi taglia peli e test di gravidanza marca Krusty.
Rispondi
di superloco [user #24204] - commento del 27/10/2017 ore 12:11:21
simpatico personaggio !
Rispondi
di PegasusVanDerKlyne [user #19758] - commento del 05/11/2017 ore 19:22:40
YouTube è il figlio della società odierna:
"E' fatto della stessa materia di cui sono fatte le illusioni".

Permette una possibilità a chiunque, ma premia soltanto pochi eletti... i quali non sempre brillano di un qualche "reale" talento* Tuttavia, ormai lo abbiamo imparato, nel mondo in cui viviamo il talento non è affatto la chiave del successo. Per sfondare serve collezionare una serie di carte "preziose" quali l'intraprendenza, l'originalità, la simpatia e... (la più importante) la fortuna!

Non possiamo sapere se questi personaggi dai nomi simili ad un robot di StarWars avranno il proprio posto nei secoli a venire... Quello che possiamo fare è: APRIRE GLI OCCHI 👀

YouTube è uno strumento utilissimo per osservare, carpire e confrontarci con la diversità espressiva presente nel mondo.

Prendiamolo come una possibilità di crescita... un'opportunità per migliorare noi stessi, ogni giorno... e non "adagiarci sugli allori" 🌿

W la Creatività ⭐
Rispondi
di PegasusVanDerKlyne [user #19758] - commento del 05/11/2017 ore 19:23:1
YouTube è il figlio della società odierna:
"E' fatto della stessa materia di cui sono fatte le illusioni".

Permette una possibilità a chiunque, ma premia soltanto pochi eletti... i quali non sempre brillano di un qualche "reale" talento* Tuttavia, ormai lo abbiamo imparato, nel mondo in cui viviamo il talento non è affatto la chiave del successo. Per sfondare serve collezionare una serie di carte "preziose" quali l'intraprendenza, l'originalità, la simpatia e... (la più importante) la fortuna!

Non possiamo sapere se questi personaggi dai nomi simili ad un robot di StarWars avranno il proprio posto nei secoli a venire... Quello che possiamo fare è: APRIRE GLI OCCHI 👀

YouTube è uno strumento utilissimo per osservare, carpire e confrontarci con la diversità espressiva presente nel mondo.

Prendiamolo come una possibilità di crescita... un'opportunità per migliorare noi stessi, ogni giorno... e non "adagiarci sugli allori" 🌿

W la Creatività ⭐
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Aspettando RitmiShow Napoli 2014: Naga Distribution
Intervista a Michael Baker
Vadrum vs V-Drums - Qualche domanda ad Andrea "Vadrum" Vadrucci
Intervista a Dave Weckl
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964